/Wwf Hulk Hogan Lunch Box

Wwf Hulk Hogan Lunch Box

The study is based on quantitative and qualitative approaches carried on one day of recording from the MATVA corpus Multimodal Analysis of TV Ads created and employed by Pennock Speck and Fuster Mrquez (2014). Due to the qualitative nature of my research which requires the detailed analysis of linguistically coded communication and other semiotic modes required I chose one day of the corpus as representative of a typical day of British daytime television. My findings offer evidence of the existence of gendered attitudes in the speaking characters, through the type and use frequency of attention seeking devices.

Aperto nel settembre del 2011, il punto vendita Chicco di via Dante ha un layout innovativo, con spazi e percorsi guidati creati per le esigenze di divertimento e acquisto di grandi e piccini. Una segnaletica per colori e icone di facile lettura dedicate ai vari settori dello store benessere, sonno, gioco, abbigliamento orientano la scelta. Tra gli articoli in vendita tutine, pantaloni, magliette, vestiti, scarpine con un buon rapporto qualità prezzo e prodotti di vario genere come il passeggino con seduta girevole a 360 (999 euro), la palestra trasportabile (89,90 euro), il biberon con tettarelle evolutive (9,50 euro) e il robot da cucina (299 euro).

Firma il look Guido Palau per Redken. Anche da Francesco Scognamiglio sono degli eyes (firmati Benjamin Puckey per Kiko Milano) a catturare la luce: una polvere di stelle di glitter e micro paillettes veste tutta la palpebra fino alle sopracciglia. Sempre con i glitter argento, Michele Magnani, senior artist di MAC Cosmetics, fa brillare gli sguardi in passerella Stella Jean, un omaggio alle donne della Bolivia e ai costumi della loro tradizione, un tripudio di colori e paillettes..

I grandi volumi sono contrassegnati da materiali diversi: il corpo scala che collega i due piani la zona giorno sotto e la notte sopra è in ferro Corten; la cucina, nascosta da una libreria in legno e ferro nero, all’interno è tutta di acciaio inossidabile. Quanto al bagno padronale, all’esterno è in ferro nero grezzo mentre l’interno è in legno marrone laccato extralucido, con effetto specchiante. Poi ci sono un altro bagno tutto rivestito di Corian, le camere e una ‘loggia’ molto particolare, dalle pareti vetrate, con i pavimenti in ardesia e il soffitto tappezzato da piantine d’edera: rappresenta una sorta di giardino d’inverno versione 2.0, uno spazio filtro tra dentro e fuori che ha richiesto l’intervento di un giardiniere svizzero per mettere a punto il sistema di ancoraggio, stabilizzazione e irrigazione delle piante.