/Nuova Collezione Primavera Estate Scarpe Hogan

Nuova Collezione Primavera Estate Scarpe Hogan

Il terrorismo, la nuove tecnologie, internet, la paura di fallire, i loro film eredità. Di tutto questo hanno parlato a Radio Capital e su ”Il Venerdì” di Repubblica Steven Spielberg e Tom Hanks, regista e attore protagonista de “Il ponte delle spie”, in uscita il 17 dicembre. Film ambientato durante la Guerra Fredda, che racconta di scambi di prigionieri tra i servizi segreti americani e quelli della Germania Est.

Per alcuni un simbolo forte di identit religiosa e culturale; per altri una forma di modestia e protezione, per altri ancora, la quintessenza della sudditanza femminile. Ma il velo che spesso avvolge le donne di fede musulmana non sempre uguale. Il modo in cui si porta, la sua foggia e le parti che copre cambiano moltissimo di paese in paese.

O se si ridiscuterà il progetto. Con il rischio di far saltare tutto, perché in assemblea gli oppositori dell’Asse non sembravano essere d’accordo tra loro sull’eventualità di rivedere il tracciato. Ora la palla passa al consiglio comunale, dopo un più che probabile passaggio in giunta, per capire se ci siano le condizioni per un atto di indirizzo da inviare all’attenzione della Regione.

Il presidente Inguscio si sofferma a parlare, ancora, delle ultime questioni che hanno attraversato il Consiglio nazionale delle ricerche: i concorsi sanatoria, spesso cuciti su candidati scelti, e il caso Montelibretti con i parenti assunti in fila. Dice: “Il reclutamento sindacalizzato o costruito con bandi su misura stato un problema pluridecennale dell ora, con la mia presidenza, abbiamo deciso di uscire da vecchie logiche. Il Cnr deve tornare ad essere un riferimento nazionale e internazionale, e ci sta riuscendo.

L’immagine di tutti quei libri gettati in terra e arraffati da un braccio meccanico ha fatto sobbalzare alcuni cittadini che venerdì si sono recati sul posto per capire cosa accadeva. Tra loro alcuni esponenti dei Cinque Stelle, che si dicono stupiti e indignati per una scena che ha evocato brutte immagini della nostra storia. Una scena a cui cercheremo di dare delle risposte.

Ad accogliere Trump sulla piazzetta antistante il luogo sacro ai cristiani c’erano i rappresentanti delle chiese cattolica, con il Custode di Terra Santa, padre Francesco Patton, armena e greco ortodossa. Lungo l’itinerario hanno vigilato sul presidente circa 750 agenti con cecchini sui tetti e elicotteri in volo sulla zona. Sono previste anche una visita al Muro del Pianto e, domani, a Yad Vashem, il Mausoleo della Memoria a Gerusalemme..